Logo CUSB CNU

Basket – Qualificazioni

Missione compiuta. L’Università di Bologna batte ancora quella di Firenze, 59-68 e guadagna così l’accesso alle finali tricolori in programma a Camerino. Ai CNU della seconda metà di giugno ci saranno ancora i ragazzi dell’Alma Mater Studiorum che, a dispetto di un curriculum eccezionale – rappresentano la squadra più titolata in Italia, nonché l’unica squadra capace di vincere per tre anni il titolo europeo in feluca -, faticano e non poco con il Cus Firenze.

Ma oltre al talento, il Cus Bologna ha nel suo DNA la capacità di soffrire, stringere i denti e gettare il cuore oltre l’ostacolo. Che non sarebbe stato facile, lo si era intuito dal risultato del match di andata, maturato al PalaCus di via del Carpentiere. Il Cus Bologna nel corso degli anni ci aveva abituato bene: divari colossali, nella gara interna e poi facile gestione del ritorno. Questa volta, in gara-uno, un +15 sul quale anche il coach, Matteo Lolli, aveva avvisato i suoi ragazzi. “Abbiamo vinto – le sue parole -, non stravinto. Pensiamo così alla gara di ritorno e prepariamoci”.

A Firenze gli universitari dell’Alma Mater faticano. Chiudono il primo quarto avanti, 20-22, ma prima dell’intervallo Firenze mette il muso avanti. Di più, il 38-33 con cui si va al riposo, dice che i punti di vantaggio per i biancorossi sono solo 10. Un’altra squadra, forse, avrebbe gestito. Non il Cus Bologna che, sorpassa dopo tre quarti, 47-50 e chiude con un vantaggio ancora più corposo. Adesso il pensiero può andare sia all’appuntamento di Camerino sia ai successivi Europei. Dopo la delusione nei canestri, di un anno fa l’Unibo punta a riprendersi la scena.

La squadra del Cus Bologna è composta da Giacomo Bavieri (capitano, Economia), Francesco Buscaroli (Scienze Politiche), Federico Daly (Statistica), Lorenzo Folli (Scienze Motorie), Francesco Beccafichi (Informatica), Riccardo Valenti (Economia), Giulio Martini (Staistica), Tommaso Ranieri (Ingegneria), Francesco Pollini (Ingegneria), Francesco Forni (Ingegneria). Allenatore: Matteo Lolli. Team manager: Matteo Galli.